Talento o preparazione, intuito o strategia? Il mondo del vino (italiano) è densamente popolato da personalità strabordanti che potrebbero far pensare che contino più doti personali e innate, a volte quasi taumaturghiche piuttosto che lo studio, l’analisi, la pianificazione e il controllo della gestione. Sarà davvero così?

Segui l’intervista completa clicca qui